La Festa di Sant'Anna | Romantica Resort & Spa
ItalianoEnglishDeutschРусский

La Festa di Sant'Anna

Ischia

La Festa di Sant'Anna

Aspettando la 89° edizione della Festa di Sant'Anna 

Foto: Tommaso Monti da La Repubblica 

La storia 

Precisamente 87 anni fa, nel 1932, un gruppetto di amici decise di dare vita a un evento che oggi è la Festa di Sant'Anna, ormai famosa in tutto il mondo.
Alcuni degli abitanti del Borgo di Ischia Ponte, negli anni precedenti al 1932, notarono che il 26 luglio molte barche si radunavano in prossimità del castello Aragonese per recitare il rosario davanti alla chiesetta di Sant'Anna. 
Il rito religioso veniva inoltre accompagnato da una luculliana cena "a mare" tutta ischitana a base di coniglio e ricette tradizionali locali.

Così, a quel gruppetto di audaci ischitani venne la brillante idea di creare una festa in onore di questa usanza...la festa di Sant'Anna. 
La festa doveva essere l'occasione per celebrare la santa, protettrice delle partorienti, e unire il ritro religioso a quello allegorico celebrando anche 
le barche che venivano ornate per la festa. Inoltre da lì a poco arricchirono la festa con uno spettacolo di luci (all'epoca fatto con le sole lampade) sulle colline di Campagnano e Soronzano. Oggi le lampade sono state sostituite dai fuochi d'artificio e l'incendio del castello. 

foto: Enzo Rando per Ischia.it

In cosa consiste 

Dal 1932 molte cose sono cambiate ma la festa di Sant'Anna riesce ancora a conservare il suo spirito autentico, unione di storia, tradizione e folklore, che la rende davvero unica nel suo genere.
Nello specifico le barche addobbate per l'occasione sono stata nel tempo sostituite da una gara di Carri allegorici che sull'acqua sfilano gareggiando fra di loro per vincere il prestigioso primo premio.
I carri nello sfilare raccontano delle storie in base al tema deciso dell'edizione. Alla sfilata partecipano carri di associazioni e proloco dell'isola d'ischia.
La festa religiosa e la sfilata dei carri con l'intera celebrazione si svolgerà il giorno 26 luglio a partire dalle 21.00 nella Baia di Cartaromana ma i festeggiamenti dureranno circa una settimana. Vi consigliamo di consultare il programma di seguito.
La voce narrante di Giancarlo Giannini racconterà la sfilata delle barche allegoriche al cui termine ci sarà lo spettacolo dei fuochi d'artificio e lo spettacolare Incendio del Castello.

Foto: Enzo Rando per La Repubblica

Nel 2019

L'ordine di sfilata delle barche allegoriche è stata la seguente:

  1. So' Vivo
  2. Oceano e Teti
  3. L'Arca dei ricordi
  4. La leggenda di Nitrodi 
  5. Dall'oscurità alla luce della salvezza

Voce narrante: Giancarlo Giannini
Presentato da: Anna Trieste e Claudio Iacono
Musiche: Carlo Faiello e la sua ensemble
Disegno Luci: Davide Scognamiglio

Il Programma dei festeggiamenti
Nel 2019 i festeggiamenti sono durati una settimana dal 21 al 27 luglio

Nel 2020 Causa protocolli di sicurezza per fronteggiare il rischio di diffusione del virus Covid-19 i festeggiamenti si sono svolti in forma molto ristratta evitando la sfilata delle barce. In compenso per omaggiare la festività l'Amerigo Vespucci ha navifato tutta la giornata intorno all'Isola d'Ischia.

Articoli correlati

La Repubblica articolo di Pasquale Raicaldo 

Napoli Da Vivere

La Gazzetta dello Spettacolo 

Grande Napoli

Contattaci

Prenota al miglior prezzo