Ischia e il Vino | Romantica Resort & SPA
ItalianoEnglishDeutschРусский

Ischia e il Vino

Food & Drink

Ischia e il Vino

Settembre a Ischia è il mese della Vendemmia e del Vino.
L'isola d'Ischia è un'eccellenza nel mondo per la produzione di Vino e negli ultimi anni molte delle cantine più importanti dell'isola si sono aggiudicate prestigiosi premi e riconoscimenti che ne hanno accresciuto la fama e notorietà dell'isola. 

L'isola a Settembre si colora di una energia particolare, l'aria è frizzante, i tramonti di un rosa emozionante e il profumo della vendemmia inebria turisti e ischitani. 

Vuoi trascorrere una Vacanza a Ischia? 
Scopri di più

Ph: Enzo Rando - La vigna dei Mille anni D'Ambra Vini - FB D'Ambra Vini d'Ischia


LA STORIA DEL VINO

"Una sera sull'Olimpo Zeus e Dionisio brindarono alla salute della ormai prossima vendemmia. Una goccia di nettare cadde nel mare e il Vulcano Epomeo sbuffò di goduria nel degustare la divina goccia. Il Gigante Tifeo si risvegliò e così nacque Ischia, l'isola benedetta dagli dei." (A.P.)  

La storia del Vino di Ischia ha origine nel VIII secolo a.C. quando l'isola venne soprannominata dai greci Oenaria, dal greco "luogo della vite e del vino”. 
Gli Eubei furono i primi coloni dell'isola e subito carpirono l'attitudine della terra ischitana nel produrre le uve.
È fatta risalire a quel tempo la Coppa di Nestore, celebre reperto storico ischitano, fra le prime testimoniante del greco scritto. L'epigrafe incisa recita “Di Nestore la coppa buona a bervi. Chi beve da questa coppa subito così sarà preso dal desiderio per la bella diademata Aphrodite”.

Ph: Museo di Villa Arbusto 

​È così che ebbe inizio la storia dell'isola e della sua cultura enologica. infatti, il vino è sempre stato la base dell'economia isolana i cui abitanti ben presto 
divennero degli artisti nella edificazione di terrazzamenti e dei relativi muri a secco di tufo verde le famose "parracine". 
La morfologia dell'isola, fertile nella terra ma molto impervia nei pendii, necessitava infatti di una tecnica raffinata per strappare alla natura porzioni di terra 
coltivabili.
Grazie alla maestria degli ischitani oggi è ancora possibile ammirare terrazzamenti coltivati a vite, anche nelle zone più impervie e remote dell'isola.
Fu durante il medioevo, e poi nel rinascimento, che il vino ischitano divenne una produzione talmente imponente da essere esportato in terraferma, nei principali mercati italiani ed esteri. Ogni terreno dell'isola era destinato alla produzione di vino e il giardino del Castello pululava di vitigni che si estendevano fino agli attuali scogli di Sant'Anna sprofondati poi nel mare per il fenomeno del bradisismo.
Poi, agli inizi degli anni '50, l'industria turistica strappò braccianti alle terre e molti vigneti vennero abbandonati. 
Per fortuna, negli ultimi anni, l'attenzione verso l'enologia è in crescita, grazie anche ai risultati strabilianti raggiunti da alcune cantine ischitane.
Prenota ora l'offerta last minute

LE UVE ISCHITANE

Ph: Ig D'Ambra Vini

Il Biancolella è un vitigno di apparente origine corsa introdotta dagli ellenici intorno all'VII secolo a.C..
Si tratta di un vitigno a bacca bianca diffuso in Campania la cui maggiore concentrazione si trova sull'isola Verde.

La Forastera è un vitigno a bacca bianca di origine sconosciuta. Fu importato sulle isole campane durante la crisi della fillossera della metà dell'ottocento che colpì duramente i vigneti delle isole flegree. Da qui la provenienza del suo nome derivante da forestiero (vitigno non ischitano). A Ischia il vitigno ha trovato il suo habitat migliore ed è ormai una delle principali uve di produzione isolana, mentre sulle altre isole è praticamente scomparso.

Il San Lunardo è un vitigno a bacca bianca campano coltivato a Ischia fin dal 1700. Il suo nome probabilmente deriva dal religioso "Don Lunardo" che scoprì la varietà. Altri credono derivi proprio dal patrono "San Leonardo". La varietà è a rischio di estinzione. Per questo motivo il Professor Luigi Moio, il giornalista Ian d’Agata con l'aiuto dell'Ing. Giancarlo Carriero hanno dato vita ad un progetto per cercare di recuperare il San Lunardo e altri vitigni a rischio presenti sull'isola. Leggi l'articolo 

ph: Buongiorno online

L'uva Arilla è un vigneto a bacca bianca probabilmente di origine sicula ma presente fin da epoca remota sull'isola d'Ischia tanto che è possibile definirlo locale. Presente soprattutto nella parte sud-ovest dell'isola è menzionato anche dallo storico Giuseppe d'Ascia nel 1867 nell'opera "Storia dell'isola d'Ischia"

La Guarnaccia è un vitigno a bacca rossa di origine sconosciuta. Si ipotizza che questa varietà sia stata importata dagli Eubei nel VIII secolo a.C. durante la prima colonizzazione dell'isola. Questo vitigno è molto popolare sull'isola e spesso viene abbinato al Piedirosso per la  produzione dei rossi ischitani.
La Guarnaccia fa parte del progetto di recupero delle varietà rare del Professor Moio. Leggi l'articolo 

Il Per 'e Palummo o Piedirosso è un vitigno a bacca rossa di origine campana antichissima, diffusosi fra il 700 e il 900. Si ipotizza che questa sia l'uva Colombina menzionata da Plinio il vecchio nella sua monumentale opera "Naturalis Historia"
Il nome del vitigno deriva sicuramente dalla forma del graspo che ricorda il piede del colombo ("Palummo" in Ischitano).

La Cannamelu è un vitigno a bacca nera la cui origine è sconosciuta ma in molti sostengono abbia avuto una storia simile a quella del San Lunardo. Il nome significa piccola mela ed è dovuto alla forma e colore dell'uva.Anche la Cannamenu è uno dei tre vitigni del progetto di recupero di particolari varietà del Professor Moio per cui vi invitiamo a leggere il relativo articolo.   
Prenota ora l'offerta last minute

CASE VINICOLE ISCHITANE

Ph: FB Cantine Antonio Mazzella

CANTINE ANTONIO MAZZELLA nascono nel 1940 fondate da Nicola Mazzella e ampliate da suo figlio Antonio. I terreni produttivi si trovano a circa 150 metri al di sopra del livello del mare. Le uve vengono ancora raccolte a mano e conservate in cantine scavate nel tufo dove viene perfezionata la produzione. I terreni sono raggiungibili solo attraversando antichi sentieri, per cui il trasporto delle bottiglie viene fatto via mare per facilitarne la logistica. Le cantine stanno crescendo notevolmente, affermandosi a livello internazionale. Sono davvero tanti i premi ottenuti in questi ultimi anni come il premio "The Wine Hunter Award" vinto da Villa Campagnano 2017 e Nero70 o il premio "Cantina dell'anno 2019" vinto al Vinitaly dopo il prestigioso successo ottenuto da Vigna del Lume 2017 come "miglior Vino Bianco 2018".
Consulta i Vini di Mazzella

CASA D'AMBRA nasce nel 1888 grazie al genio di Don Francesco D'Ambra. Figlio di viticoltori ischitani da generazioni, Francesco decise di fondare l'azienda agricola ed esportare il vino nei mercati napoletani dove, sin da subito, ebbe un incredibile successo. Gli affari prosperarono di generazione in generazione fino a quando nel 1984 l'azienda passò a Mario D'Ambra. Egli aggiunse un nuovo tassello alla storia dell'azienda, iniziando l'esportazione su nuovi mercati internazionali. Nel 2000 l'azienda è divenuta di proprietà di uno dei nipoti del fondatore, l'enologo Andrea D'Ambra che, con le sue due figlie Sara e Marina, dirige l'azienda divenuta ormai un'eccellenza italiana nel mondo. D'Ambra Vini oggi esporta fino ai remoti territori australiani e americani ed è vincitore di premi eccellenti da oltre 100 anni. Vi suggeriamo la lettura dell'intervista di Pasquale Raicaldo per Repubblica all'enologo Andrea D'Ambra.
Consulta i Vini di Casa D'Ambra

Ph: FB D'Ambra Vini d'Ischia 

CENATIEMPO VINI D'ISCHIA nasce grazie a Francesco Cenatiempo agli inizi del '900 con una piccola cantina al porto di Ischia, dove veniva imbottigliato e venduto vino sfuso prodotto dai vari contadini di Ischia. Negli anni '50 l'azienda passò sotto la giovane direzione di Pasquale Cenatiempo, succeduto al padre, che iniziò la produzione propria di vino. Cenatiempo oggi unisce la cura diretta del vigneto a tutte le fasi di produzione, imbottigliamento, distribuzione e vendita in varie zone del mondo. I Cenatiempo sono "Vini fatti di collina e di mare" e questa poesia è valsa l'inserimento del Kalimera fra i migliori 50 vini del mondo al concorso Decanter World Wine Award oltre al "3 bicchieri Gambero Rosso" e I'inserimento nella guida "vini di Veronelli".
Consulta i Vini di Cenatiempo

CRATECA VINI ISCHIA nasce dal recupero di un' antica azienda vinicola ad opera della famiglia Castagna che con grande impegno hanno voluto ridare vita ad una zona che era stata completamente abbandonata. Le terrazze a picco sul mare e la cantina ristrutturata rispettando fedelmente la tradizione, fanno di questa casa vinicola un vero tesoro della storia recente isolana.
Consulta i Vini di Crateca

PERRAZZO VINI D'ISCHIA nasce nel 1880 a ischia porto come la Alfonso Perrazzo & C.. All'inizio del 1900 grazie alle grandi doti commerciali del Cav. ufficiale Alfonzo Perrazzo, l'azienda cresce fortemente vendendo in terra ferma vini sfusi ed esportandoli fino in Francia. 
Purtroppo con l'arrivo della guerra la Perrazzo entrò in crisi fino all'arrivo di Marco Sigismondo, enologo e amante della terra che ha fondato Ischia Sapori, prima fabbrica di produzione di liquori ischitana.
Consulta i Vini di Perrazzo

PIETRATROCIA è stata fondata tre famiglie foriane Iacono, Regine e Verde. Il suo nome proviene da pietra torcia, termine con cui s'intende un masso tufaceo con tre fori, utilizzato, fino all'introduzione del moderno torchio, per spremere le uve. Pietratorcia nasce dalla volontà di custodire la tradizione isolana legata al vino e alla cantina.
Consulta i Vini di Pietratorcia

Ph: Fb Tommasone Vini d'Ischia

LA PIETRA DI TOMMASONE nasce nel 1870 con il bisnonno Pietro e successivamente con nonno Tommaso. Quest'ultimo, dopo anni di attività lascia l'azienda a suo figlio Antonio che, dopo la perdita del papà, decide di dedicarsi alla ristorazione, trasferendosi in Germania. Negli anni però, l'amore per il vino non è mai sparito, per questo nel 1999 ritorna a Ischia dove riprende il vigneto e la produzione. L'azienda 2005 produce le prime 10000 bottiglie e da quell'anno cresce anno dopo anno ottenendo straordinari risultati come "3 bicchieri gambero rosso 2019", il 2° posto al "MONDIAL DES VINS EXTREMES", medaglia d'oro con il PITHECUSA BIANCO IGP 2018 al "MONDIAL DES VINS EXTREMES" e molti altri. Nel 2009 si trasferisce a Ischia la figlia maggiore di Antonio, Lucia che dopo aver completato gli studi di viticoltura ed enologia in Germania e aver arricchito il curriculum di eccellenti esperienze in friuli, oggi Lucia porta avanti l'azienda di famiglia ed è il responsabile della produzione e commercializzazione di Tommasone.
Consulta i Vini di Tommasone


LE CANTINE

Le cantine di Ischia sono un grande patrimonio artistico e di tradizione dell'isola, per questo vi suggeriamo di visitarne più di una per arricchire la vostra vacanza ischitana. Le visite alle cantine sono disponibili tutto l'anno propongono degustazioni di prodotti tipici e, ovviamente, vino. Vi riportiamo di seguito un elenco in ordine alfabetico e i relativi link, dove disponibili, per le informazioni. Vi suggeriamo sempre di prenotare con un certo anticipo.

Ph: Alessia Peraro for Romantica Resort & Spa - A' Cantin 'e Cir - Andar per Cantine 2018

A' CANTIN 'E BATTIST E CENZIN
A' CANTIN 'E CESAR
A' CANTIN 'E CIRO
ANTICA FATTORIA GRECA
ANTICHE GROTTE CANTINE PERRAZZO
AZIENDA AGRICOLA LA PIETRA DI TOMMASONE

Ph: Ig Tommasone Vini d'Ischia

AZIENDA AGRICOLA GIARDINO MEDITERRANEO
AZIENDA AGRICOLA 'U SCIALATUR
AZIENDA AGRICOLA VILLA SPADARA
AZIENDA AGRITURISTICA LA JESCA
CANTINE ANTONIO MAZZELLA

Ph: Ig Crazy4champagne - Cantine Antonio Mazzella

CANTINA BELLAVISTA
CANTINA E MASTU GIACCHIN
CANTINA MATTERA
CANTINA MONTE DE ANGELIS
CANTINA PASSARIELLO
CANTINA PEPPINO DI RENATO
CANTINA RAUSTELLA
CANTINA SCARDECCHIA
CASA D'AMBRA

Ph: Ig D'Ambra Vini d'Ischia

CRATECA VINI ISCHIA
LA CANTINA DI TONY
LA CANTINA MORZANIELLO
LA VIGNA DEI MILLE ANNI
PIETRATROCIA
TENUTA C'EST LA VIE
TENUTA GIARDINI ARIMEI - ARCIPELAGO MURATORI
TENUTA PIROMALLO 

EVENTI DEL VINO

Ph: Pro loco Panza - Andar per Cantine 2019

ANDAR PER CANTINE si svolge a Settembre, quest'anno dal 14 al 22  Settembre, in occasione del periodo della vendemmia e consiste in tour guidati alla scoperta delle cantine isolane e degustazione dei vini nostrani. I tour si svolgono dalle 10 alle 15 circa ad eccezione di "cantinando sotto le stelle" che si tratta di una degustazione in notturna. Per info e prenotazioni potete consultare il sito della Pro Loco Panza o chiamare al numero 081 908436.

ANDAR PER CANTINE A NATALE è un evento che tende ad arricchire il cartellone di intrattenimento natalizio isolano proponendo escursioni in cantina e degustazioni dei prodotti tipici isolani natalizi. per maggiori informazioni rivolgersi alla Pro Loco Panza

 

ANDAR PER SENTIERI è dedicato alla scoperta della natura, tradizioni ed enogastronomia ischitana. La manifestazione propone escursioni e trekking per i sentieri più suggestivi di Ischia con la supervisione e l'attenta guida degli esperti dell'associazione Nemo e del Club Alpino Italiano (sottosezione Ischia).
La manifestazione di svolge in primavera ed è arricchita di degustazioni in cantina, di prodotti tipici e vini ischitani. A breve saranno pubblicate le date 2020 per cui vi invitiamo a visionare il sito della Pro Loco Panza
Scopri di più

Ph: Alessia Peraro for Romantica Resort & Spa

REFERENZE: 

Romantica Resort & Spa

Intervista ad Andrea D'Ambra di Pasquale Raicaldo - La Repubblica

Ischia La Rassegna pdf

Wine News

Vinook.it
 

Contattaci

Prenota al miglior prezzo